+39.329.7209512 luca.contiero@virgilio.it

Running Screening Gratuito

Sei un runner e non riesci a recuperare al meglio da un infortunio?

Effettuando il Running Screening hai la possibilità di:

  • Comprendere se il tuo disturbo è di pertinenza fisioterapica
  • Comprendere il miglior modo di gestirlo
  • Scoprire come tornare a correre meglio di prima aumentando la performance

Sei un candidato al Running Screening se:

  • Soffri da tempo di un disturbo legato alla corsa che non riesci a risolvere
  • Soffri di un disturbo recente legato alla corsa e vuoi sapere come recuperare al meglio

Perché effettuare il Running Screening?

Circa il 79% dei runners incorre in almeno un infortunio nel corso di un anno e nella stragrande maggioranza dei casi l’infortunio non è conseguente ad un trauma acuto e facilmente riconoscibile ma legato ad un’ insorgenza graduale,  i comunemente chiamati “infortuni da sovraccarico” , ecco perché una valutazione specifica e condotta da un professionista specializzato è fondamentale per comprenderne le cause.

Un programma fisioterapico specifico si è dimostrato efficace nella risoluzione di molteplici delle patologie del runner ma non rappresenta l’unica soluzione, per questo motivo trovo doveroso nonché etico professionalmente, poter valutare con attenzione se esso possa essere la scelta ottimale per il tuo caso, oppure se sono necessari approfondimenti di altro tipo senza farti perdere tempo e denaro.

In cosa consiste il Running Screening?

Il Running Screening è una visita a distanza (Skype, Zoom etc…) della durata di 30 minuti in cui ti farò delle domande specifiche e ti farò eseguire dei test funzionali con i quali riuscirò a capire innanzitutto se la tua problematica è di pertinenza fisioterapica o necessita di essere approfondita con esami diagnostici e/o gestita in altro modo.

Cosa succede dopo il Running Screening?

Se capisco che il disturbo è di pertinenza fisioterapica possiamo:

  • Valutare un percorso fisioterapico a distanza
  • Valutare un percorso fisioterapico in studio
  • Valutare la possibilità di effettuare un’ analisi della corsa ed un retraining della tecnica

LA VISION

La mia visione si fonda sulle più recenti evidenze scientifiche ed in particolare sull’importanza di un approccio attivo al fine di facilitare il recupero e garantire risultati a lungo termine.

Per diversi anni, e spesso ancora oggi, i principali trattamenti proposti dai professionisti sanitari verso i corridori si sono basati sul concetto di proteggere il paziente: sospendere la corsa, riposo completo, massaggi, terapie antiinfiammatorie, correzione di posture o atteggiamenti ritenuti “sbagliati” (uno su tutti la pronazione del piede).

Oggi sappiamo che una gestione basata  su questi trattamenti, esclusivamente passivi, nella maggior parte dei casi risulta inutile o incompleta, rendendo il paziente dipendente dalle cure.

Sebbene in una fase iniziale e soprattutto in traumi recenti, sia giusto ridurre il carico e lo stress meccanico, una volta superata questa fase il nostro corpo ha bisogno di un’esposizione graduale al carico, ovvero di ricevere uno stress ben dosato, che sia in grado di aumentare la tolleranza dei tessuti.

Prediligere il movimento, il rinforzo, l’utilizzo di calzature meno protettive e utilizzare trattamenti passivi soltanto in aggiunta a quelli attivi è il miglior modo di stare bene a lungo termine, diventando più forti e resistenti.

CHI SONO

Terminato il percorso di laurea  in fisioterapia presso l’Università degli studi di Milano nel 2016 ho da subito intrapreso il percorso in terapia manuale e riabilitazione dei disordini muscoloscheletrici presso la SUPSI di Lugano, Svizzera; conseguendo nel 2017 il Certificate of Advenced studies in Terapia Manuale e nel 2019 quello in Fisioterapia Muscoloscheletrica e nel 2020 il Certificate in Terapia Manuale Avanzata.

Da sempre appassionato di sport, ho praticato basket a livello giovanile ed in seguito, per molti anni, atletica leggera; prima come atleta e poi come allenatore.

Nel corso degli anni ho frequentato diversi corsi che mi hanno portato ad approfondire la cura e gestione dell’atleta, sia dal punto di vista preventivo che riabilitativo.

Ho seguito sportivi di varie discipline aiutandoli nel percorso di ripresa fino al rientro in campo; un percorso insidioso per il paziente; sia dal punto di vista fisico che psicologico e per il quale è fondamentale instaurare un rapporto di stima e fiducia.

Ho successivamente conseguito il titolo di “Istruttore di tecnica di corsa” riconosciuto dal CONI  e data la mia passione per la corsa nel 2021 ho fondato “Fisiorunner”, un servizio che unisce le mie competenze riabilitative a quelle relative al mondo del running, offrendo un percorso specifico di valutazione, analisi e retraining della corsa abbinato a trattamenti specifici per la risoluzione e la prevenzione degli infortuni legati alla corsa.

Dott. Riccardo Faccio

Compila il Form per richiedere maggiori informazioni

Sarai ricontattato il prima possibile

FisioPsico | Lo Studio
Fisioterapia
Psicologia
Fisiorunner

Largo Armando Diaz, 3B
Barlassina (MB)

9 + 5 =